Danza, musica e poesia per ricordare il maestro Carlo Parlati, scultore e incisore di Torre del Greco che ha trasformato rami di corallo, ma anche pezzi di bronzo e madreperle in opere d’arte apprezzate in tutto il mondo. Nel sedicesimo anno della morte, l’omaggio all’artista arriva da Alba Buonandi, prima ballerina al teatro San Carlo di Napoli negli anni Settanta, coreografa, insegnante di danza e fondatrice della compagnia “Il Balletto del Centro”, oggi diretto da Armando Gargiulo.

Con lo spettacolo “Ispirazioni” che si terrà il 2 e 3 marzo al Teatro del Centro in viale Libia 6 a Torre del Greco, i coreografi Armando Gargiulo e Antonio Di Vaio danno vita a quattro opere di Carlo Parlati – Il volo di Icaro; La Paura; La Creazione e Adamo ed Eva – ricorrendo a diverse forme di comunicazione artistica: il balletto, la recitazione, le musiche, le coreografie e i video. Un lavoro emozionale, ma anche di ricerca, che rende omaggio all’ingegno del maestro Parlati, puntando dritto al cuore dello spettatore.

“Con Ispirazioni”, spiega Alba Buonandi, “abbiamo voluto raccontare l’artista Carlo Parlati e le emozioni che sprigionano le sculture, i quadri, le incisioni e perfino alcuni versi inediti del maestro scomparso sedici anni fa. L’idea di mettere in scena i suoi lavori, me la porto dietro da tanto tempo. Oggi la realizzo, grazie alla preziosa collaborazione che mi è stata data dalla famiglia Parlati e al lavoro dei coreografi Armando Gargiulo e Antonio Di Vaio. Ritengo necessario rendere omaggio al maestro Parlati per riportandolo alla memoria di chi lo ha conosciuto ma anche per farlo apprezzare dai più giovani. Dunque”, conclude Alba Buonandi”, Ispirazioni è il tributo all’artista Carlo Parlati”.

Lo spettacolo che ha ricevuto il patrocinio del Comune di Torre del Greco, si divide in due parti: Emozioni con le coreografie di Armando Gargiulo e Creation tra sacro e profano, con le coreografie di Antonio Di Vaio. Due le compagnie che si alterneranno sul palco: Il Balletto del Centro e Visual Arts Department Ballet. Tra gli interpreti, l’attrice Eva Contigiani e i ballerini Valentina Colapietro, Kamil Jasinski, Alessandra Gargiulo, Giuseppe Carillo, Ilaria Bruno, Lucia Accardo, Diana Anna Baldino, Imma Caro Esposito, Giulia Basile, Sofia Graf, Gaetano Di Noto, Elisa Liani, Camilla Bartuli (in video), Giorgia Picca (in video) e Vito Bortone.

 

Carlo Parlati è nato a Torre del Greco nel 1934 ed è morto nel 2003. Scultore, incisore e pittore di fama internazionale, ha realizzato opere uniche e di grande valore, adoperando materiali pregiati come il corallo, la madreperla, l’avorio, il legno, la pietra lavica, le pietre dure, l’oro e l’argento. Molti suoi lavori sono stati acquistati da collezionisti e sono presenti nelle collezioni private più esclusive al mondo.

 

Alba Buonandi, si forma al Teatro San Carlo di Napoli dove ha danzato in qualità di solista prima e poi di prima ballerina sotto la guida di coreografi di chiara fama: Zarko Prebil, Milko Sparemblek, Mario Pistoni, Bianca Gallizia, Nicolas Beriosoff, Ugo Dell’Ara affiancandosi ad artisti come: C. Fracci, P. Bortoluzzi, E. Maximova, B. Mark, E. Brahun. Lascia il Teatro San Carlo per esplicare la libera professione in Europa. Si ferma per una stagione in Germania nel Teatro di Stato di Kassel dove ha danzato da protagonista: Le Corsaire e Papillon con grande successo. Fonda nel 1975 un centro di danza in una propria struttura, dotato di un piccolo teatro, dove negli anni ha ospitato maestri: G. Muradoff, E. Bartrll, M. Zibina, A. Razzi, N. Krassoska, F. Bennati, C. Valles, S. Riva, proponendo sempre ai suoi allievi i vari aggiornamenti e le evoluzioni della danza, producendo molti spettacoli e dedicando la sua vita alla danza. Ha creato numerose coreografie, preferendo una forma di teatro-danza, trasformando in balletto testi teatrali ed opere liriche.

Tra le ultime creazioni: “L’Uomo disabitato” di R. Alberti con musica scritta per il balletto, “Sei personaggi in cerca di autore“di L. Pirandello, “La Mandragola“ di N. Machiavelli, “Urlo Napoletano“ di R. De Simone, “Le allegre comari di Windsor” di Shakespeare.Tra gli ultimi progetti: è stata ospite in Bulgaria al Teatro di Stato di Stara Zagora dove nel Febbraio del 2018 ha coreografato “La bottega fantastica”. Tra i suoi intenti c’è quello di fondare una giovane compagnia stabile del balletto per dare spazio ai giovani.

 

Armando Gargiulo, insegnante e coreografo ha completato la sua formazione artistica in qualità di tersicoreo nel 1992, studiando con i maestri: Grant Muradoff, Maria Zibyna, Flavio Bennati, Zarko Prebil, Alba Buonandi, Brunio Telloli, Antonio Castillo, Carmen Panader sempre di rinomata esperienza ed importanza. Presto si dedica all’insegnamento della danza presso il Centro Danza Classica di Alba Buonandi per il quale ha composto numerose coreografie in stile moderno e neoclassico quali: Regaliamoci un sorriso, Onde, Moikan, Incubo ed altre che hanno sempre ottenuto un riguardevole successo, senza mai smettere di aggiornarsi sulla danza e i suoi diversi stili.

Ha prestato il suo contributo collaborando con diverse scuole e compagnie per le quali ha curato le coreografie in spettacoli musicali ed operette: La Vedova allegra, Il Paese dei campanelli, Acqua cheta, Carpe Diem, A caval donato.Ultima produzione: “Life“ spettacolo musicale ancora in circuito. Affiliato all’ACSI ha vinto numerosi premi con i gruppi da lui preparati.

 

Antonio Di Vaio, napoletano, si forma sotto la guida della professoressa Mara Fusco. Ha interpretato il repertorio classico e collaborato con i più noti coreografi di danza moderna e contemporanea di fama nazionale ed internazionale,prima con l’incarico di danzatore poi di Maître de ballet, di assistente alle coreografie e alla Regia. Dal 2000 si dedica all’insegnamento riscuotendo, visto l’inserimento dei suoi allievi nel mondo professionale, ottimi risultati.

Dal 2001 al 2015 è assistente alle coreografie dei maestri Maria Teresa Dal Medico e Renato Greco; lo è stato per Il Balletto di Napoli. Oggi collabora con istituzioni statali organizzando festival e rassegne di danza. È docente dei corsi di Danza-Educazione nelle scuole primarie della città di Ciampino.