Torre del Greco, attentato al Red Hot Tower Pub: “Le intimidazioni non fermeranno i nostri sogni” – VIDEO

666

Il fragore dello scoppio, poi le fiamme. I vetri in frantumi. La paura e la rabbia. Ma la reazione è immediata: “Non ci avete fatto niente”. Parole secche, decise. Sono quelle di Carlo Esposito che posta la foto del suo locale in fiamme e dice forte e chiaro: “Nonostante tutto siamo ancora qui, non meglio di prima o come prima, siamo come sempre perché in fondo: Non ci avete fatto niente”.

Alle prime luci del mattino qualcuno ha piazzato un ordigno esplosivo che ha svegliato l’intero quartiere a corso Garibaldi. I danni sono considerevoli ma da subito i titolari si sono messi all’opera per ripulire e fare in modo da riaprire l’attività già da stasera, anche se parzialmente.

Le fiamme hanno avvolto l’ingresso del pub, porte di ingresso bruciate, sedie e tavoli anneriti. I vigili del fuoco sono intervenuti per domare l’incendio e la polizia ha effettuato i rilievi per ricostruire l’episodio. Si seguono diverse piste. Tra cui in primo piano quella dell’attentato a scopo intimidatorio.

Il Red Hot Tower Pub è stata una delle prima attività sorte dopo il restyling di corso Garibaldi. Una delle attività che sta ridando vita alla zona portuale, un tempo abbandonata a se stessa e il cui rilancio è legato soprattutto agli sforzi e agli investimenti dell’imprenditoria privata.

“Nonostante l’atto in se, nonostante i danni, nonostante ogni cosa noi restiamo in piedi, gli stessi che hanno iniziato un’avventura, gli stessi che stanno portando avanti un progetto più che solido e che dinanzi a nulla si fermeranno. Abbiamo sempre dato il massimo per chi ci ha sempre seguito, in modo tale da creare sempre un po’ il bisogno di noi, ma allo stesso tempo anche noi abbiamo bisogno di Voi, tutti Voi, come sempre, ma da oggi ancora di più”.

“Conosco la mia famiglia, conosco la mia squadra – ha scritto sui social la figlia Ilaria, segretaria del Giovani Democratici di Napoli – “ma soprattutto conosco i sacrifici che uniti tutti insieme siamo capaci di affrontare in nome della passione che ci guida nella realizzazione dei nostri sogni. E so che niente, per quanto difficile, può darci per vinti. A mio padre, a mio fratello, alla loro dedizione e al loro amore, allo Chef e alla squadra del Red Hot Tower Pub tutta, al nostro esser sempre pronti a rimboccarci le maniche e metterci al lavoro, il mio più grande abbraccio, tutto il mio amore e la promessa che insieme, sicuramente, supereremo anche questa. L’odio e le intimidazioni non fermeranno i nostri sogni. Da oggi, più forti e uniti di prima”.