esposito“Sono convinto che il dottore Paolo Esposito saprà fare bene nel suo nuovo e prestigioso ruolo di capo di gabinetto del questore di Napoli, incarico al quale è stato destinato da lunedì 22 giugno dopo essere rimasto quasi quattro anni alla guida del commissariato di polizia di Torre del Greco, con risultati in termini di attività e salvaguardia della sicurezza di assoluto rispetto”. Sono le parole del sindaco di Torre del Greco, Ciro Borriello, che ieri – giovedì 18 giugno – ha incontrato a palazzo Baronale il primo dirigente del commissariato di polizia di via Sedivola Paolo Esposito, fresco di promozione a capo di gabinetto del questore di Napoli.

Un incontro cordiale quello avvenuto nella stanza del primo cittadino, che Borriello ha voluto suggellare con la consegna di una targa “per i risultati importanti ottenuti sul campo – ha spiegato il sindaco – nella sua attività dal dottore Esposito. In quatto anni, infatti, sono state quasi 120 le ordinanze di custodia cautelare eseguite nell’ambito di operazioni contro la criminalità organizzata. Ma Esposito e i suoi uomini sono sempre stati attenti a tutto quello che riguardava la nostra città, supportando quando necessario anche il lavoro dell’amministrazione comunale. Alla polizia, solo per ricordare alcuni episodi, è stato infatti affidato il compito di occuparsi dell’ordine pubblico e della sicurezza durante i periodi caldi delle proteste legate al rischio chiusura dell’ospedale Maresca e al crac della Deiulemar”.
Dal canto suo Esposito ha ricordato con affetto gli anni trascorsi a Torre del Greco: “Anni importanti – ha detto il primo dirigente del commissariato di polizia – che hanno segnato la mia attività professionale, arricchendola ulteriormente. Lascio una bella città che, grazie al lavoro svolto nel periodo in cui mi sono trovato a guidare il commissariato, abbiamo contribuito a rendere più sicura”.