Torre del Greco, la Buttol in azione dalle ore 00.01 del 28 marzo. Mezzi aggiuntivi per uscire dalla crisi

605

Via libera della Buttol alle assunzioni. Senza le cinque unità che da settimane sono al centro di un braccio di ferro tra azienda e sindacati.

La società di Sarno individuata dal comune per l’affidamento temporaneo della raccolta rifiuti per la durata di sei mesi ieri ha convocato le organizzazioni sindacali per risolvere il nodo del passaggio di cantiere. Il terzo tavolo – dopo i primi due conclusi con un nulla di fatto.

Anche ieri – in verità – l’accordo non è stato raggiungo ma “nonostante il parere negativo delle organizzazioni sindacali, l’azienda procederà alle assunzioni nei limiti di quanto chiarito al Comune”. Vale a dire quindi escludendo i cinque lavoratori detenuti finiti al centro della polemica.

Per cui la Buttol si è dichiarata pronta a svolgere il servizio di igiene urbana nel comune di Torre del Greco a partire dalle mezzanotte e un minuto del 28 marzo “assumendo i 119 dipendenti aventi diritto al passaggio di cantiere, così come specificato dall’Ente comunale con la nota del 22 marzo 2019. Le assunzioni avverranno secondo l’inquadramento e le mansioni effettivamente svolte, corrispondendo ai dipendenti il trattamento economico previsto dal Contratto Nazionale del Lavoro”. In considerazione dell’emergenza in atto gli amministratori della Buttol “porranno in essere tutte le misure necessarie per prelevare i cumuli esistenti, anche attraverso attrezzature aggiuntive messe a disposizione dall’azienda in via straordinaria, fino a quando la città non sarà liberata dai rifiuti”.

“Una prima fase per fronteggiare l’emergenza che non esclude le iniziative successive” – hanno fatto sapere dalla ditta – “volte a riportare le percentuali di raccolta differenziata a livelli quantomeno accettabili”. Non si esclude che nella notte tra mercoledì e giovedì i camion possano procedere all’espletamento del servizio con la scorta delle forze dell’ordine.