Luisa Liguoro e Salvatore Gargiulo entreranno a pieno titolo di consiglieri nella prossima assise comunale, superando di fatto Ciro Accardo e Giosuè Cirillo che restano primi non eletti rispettivamente delle liste: Ci vuole coraggio e DAI. E’ la novità, o per meglio dire, la verità dell’urna emersa dall’esito del riconteggio delle schede che in questi giorni è stato portato a termine dall’ufficio elettorale centrale, presieduto dal magistrato torrese Angelo Scarpati. Nei prossimi giorni, invece al vaglio della presidenza della prima sezione cittadina il riconteggio delle schede delle altre coalizioni, in modo da arrivare entro il prossimo 20 luglio ad una precisa ed effettiva definizione della geografia politica che animerà l’aula consiliare dell’Ente di Largo Plebiscito. Due new entry che rimodulano nuovamente gli equilibri della politica di maggioranza e potrebbero palesare – in riferimento alla composizione della giunta – uno scenario diverso da quello prefigurato sino ad ora. L’avvocato civilista, ottiene secondo le sue previsioni il favore dell’urna, riportando una vittoria sul commercialista ed ex assessore per un’autentica manciata di voti.  E proprio la composizione dell’esecutivo cittadino sarà all’attenzione del neo sindaco Giovanni Palomba e dell’effettiva maggioranza nelle prossime ore. Un argomento, caldo secondo la comune opinione delle opposizioni, ma sul quale il mobiliere di via monsignor Felice Romano si mostra estremamente tranquillo e sereno. “La mia priorità è dare risposte alla città ed ai cittadini che attendono dalla nuova amministrazione interventi concreti, basilari ed in molti casi di quotidiana prassi, ha dichiarato il primo cittadino, non perdendo tuttavia mai di vista i movimenti politici dei suoi consiglieri,insieme ai quali trta qualche giorno taglierà il nastro di partenza per una nuova pagina di storia politica a Palazzo baronale.