Una storia scritta di seguito per oltre tre secoli. 1615 – 1932: un nome, un ‘istituzione, il senso di un popolo ed il primato di una civiltà: il Pio Monte dei marinai; il primo istituto di mutuo soccorso del bacino del mediterraneo, fondato grazie alla lungimiranza dei marinai di Torre del Greco ed alla loro ricchezza. Una vicenda prima umana e poli giuridica che, sostenuta, per oltre trecento anni da padroni di feluche, barche, marinai e pescatori si è incaricata di contratti di lavoro, di paghe di marinai, della compravendita e dell’esportazione del corallo; ha soccorso marinai bisognosi e le loro famiglie, e, tutti quelli che venivano catturati dai Barbareschi; non da ultimo, garantiva persino un sussidio giornaliero ai vecchi ed agli inabili. un’esperienza che – sebbene conclusa quasi un secolo fa – continua ad interessare sociologi, politologi ed esperti di diritto. Così, lo scorso 20 ottobre, con un convegno di approfondimento è stata presentata nell’auditorium della Banca di Credito popolare, a Torre del Greco, la nascente associazione culturale : Pio Monte dei marinai 1615 che intende innestarsi sul secolare solco dello storico istituto, e, ripartire con nuove proposte sul territorio cittadino, improntate alla cultura ed ad attività di assistenza. Interessante il dibattito, apertosi con i saluti del Presidente BCP Mauro Ascione, moderato dal giornalista Giuseppe Sbarra e condotto dalle autorevoli relazioni di autorevoli esperti; la Prof.ssa Amalia Russo dell’Istituto universitario Suor Orsola Benincasa, la dott.ssa Raffaella Salvemini del CNR di Napoli e Giuseppe Maddaloni, autore di una pubblicazione sul Pio Monte. A fare le conclusioni, l’ex sindaco Gennaro Malinconico, presidente della nascente associazione. “Sicuramente il Pio Monte, fondato nel 1615, è l’immagine emblematica di una modernità fuori da quel tempo” – è stato il primo commento della Prof.ssa Russo.  Tanti ed autorevoli anche gli ospiti, dai diversi ambiti culturali, associazionistici e sociali e politici, tra i quali il Comandante Giuseppe D’Amato,l’ex scenografo Rai Raffaele De Maio, la pro Loco di Torre del greco,  le autorità militari dei Carabinieri e di Polizia e la consigliera regionale del Partito Democratico Loredana Raia.