“La città di Torre del Greco può vantare, oggi più che mai, un’offerta didattica molteplice, variegata e di alto spessore culturale, tale da configurarsi, non solo, come autentica eccellenza del territorio, ma come fiore all’occhiello dell’intero comprensorio vesuviano”.

Con queste parole il sindaco, Giovanni Palomba, al termine della due giorni di premiazioni che ha visto protagonisti gli studenti dell’istituto tecnico – professionale “E. Pantaleo”.

Tra giovedì e venerdì scorso, infatti, l’Istituto di via Cimaglia si é aggiudicato due importanti riconoscimenti, qualificandosi primo nelle graduatorie, e, distinguendosi per la qualità degli elaborati realizzati dai ragazzi.

Nello specifico, giovedì 13 – nella sede della direzione regionale di Napoli – gli allievi della sezione “amministrazione, finanza e marketing”, si sono aggiudicati la sesta edizione del concorso “Fisco a scuola” – promosso dall’Agenzia delle entrate della Campania – conseguendo il premio “ecologia”.
Presente anche il Vice sindaco e assessore al marketing territoriale, Annarita Ottaviano.

Venerdì 14, invece, nella sede universitaria della Federico II di corso Protopisani, a San Giovanni a Teduccio – dove ha anche sede l’HUB Innovation Intesa Sanpaolo – i ragazzi del Pantaleo, si sono visti assegnare il “premio speciale Intesa Sanpaolo Innovation Center” – messo a disposizione dall’importante istituto di credito nazionale nell’ambito della sponsorizzazione alla competizione “RobotCup” – svoltasi lo scorso 14 maggio, al campus universitario di Fisciano, e, alla quale hanno partecipato ben 26 scuole per un totale di oltre 450 ragazzi coinvolti.

Alla cerimonia di premiazione, presenti oltre al team vincitore – accompagnato dai propri docenti e dal Dirigente Scolastico, Giuseppe Mingione – il Vice sindaco di Torre del Greco, Annarita Ottaviano, il D.A. Miglio d’oro, Antonella Cafora, il Responsabile CTPS, Giancarlo Tammaro, il Direttore DIEM-UNISA, prof. Mario Vento, e, il Direttore Regionale Intesa Sanpaolo, Francesco Guido.

“Un momento di gioia e di profonda soddisfazione per i ragazzi – ha continuato, il primo cittadino – ma anche di grande vanto per l’amministrazione comunale e per la città tutta.
É questo il modello di scuola a cui ci piace guardare. Una realtà viva e aperta al territorio che sappia costruire coscienze e formare uomini, donne e cittadini, oltre che professionisti di rilievo. É dalle scuole, infatti, che deve ripartire il riscatto e la rivendicazione morale della nostra città e della sua storia”.