lunedì, Luglio 22, 2019
Home News Torre del Greco, rimpasto giunta: Marino e Ciavolino sono i nuovi assessori

Torre del Greco, rimpasto giunta: Marino e Ciavolino sono i nuovi assessori

360

Rimodulazione dell’esecutivo cittadino, guidato dal sindaco Giovanni Palomba.

Passaggio di testimone per gli ex assessori Pietro De Rosa e Monica Ascione, ai quali subentrano due nuovi esponenti: Giovanni Marino ed Elena Ciavolino.

Da pochi minuti – alla presenza del primo cittadino – a Palazzo Baronale, ridefinito l’equilibrio degli esponenti del governo locale tra riconferme e nuove nomine.

Rimodulata, anche, la divisione delle deleghe.

Nello specifico, i due nuovi esecutivi della giunta Palomba – in quota alla lista La svolta – si aggiudicano le deleghe in: Igiene ambientale e Polizia municipale, per Giovanni Marino, già vicesindaco della città di San Giorgio, e: al personale, all’urbanistica, al cimitero, al patrimonio, alla nuova edilizia sportiva ed ai parcheggi per la giovane studentessa in medicina, Elena Ciavolino.

Riconfermati i restanti cinque assessori del primo semestre amministrativo, con sostanziale riconferma delle competenze attribuite.
Unica aggiunta, per il vicesindaco Annarita Ottaviano che oltre alle deleghe sinora avute, prende anche quella delle Politiche per i marittimi.

“Voglio esprimere il mio personale ringraziamento – dichiara il sindaco Giovanni Palomba – all’ amico Pietro De Rosa ed alla giovane ingegnere Monica Ascione, per il lavoro svolto e per le capacità dimostrate, che ho avuto modo di apprezzare e stimare in questi mesi.
Auguro ai due nuovi componenti che, da oggi entrano a pieno titolo nella vita amministrativa di Torre del Greco, di svolgere con proficuità e serenità il lavoro che ci attende, e, di avere sempre come unico timone il bene della città e gli interessi della collettività da amministrare, quotidianamente, con orgoglio e dignità.
La politica é fatta di tempi e di uomini; di opportunità e di necessità. É questo un momento di vita istituzionale, importante, per l’intera comunità”.