Torre del Greco, torna l’incubo rifiuti. Molti ecopunti già al collasso – LE IMMAGINI

299
  • Santa Maria la bruna
  • un click per il sarno
  • Miramare
  • Lavela
  • serigraph
  • Faiella
  • tvcity promo

Gli avvisi sui possibili disagi legati ai rallentamenti presso gli impianti stir regionali erano partiti già nei giorni scorsi. Ma la situazione sul territorio è letteralmente precipitata nel giro di pochissimo tempo. A Torre del Greco questa mattina sono diversi gli ecopunti al collasso.

Torna quindi l’incubo rifiuti. Dopo i mesi difficili che ormai sembravano solo un brutto ricordo, purtroppo la città torna a fare i conti con la crisi Nu.

Ieri la Buttol aveva inviato una nota per informare sui possibili disagi: “Si segnalano considerevoli rallentamenti, in qualche caso anche blocchi, delle attività di conferimento dei rifiuti presso gli impianti Stir regionali, con inevitabili ripercussioni “a cascata” su tutte le attività di raccolta rifiuti, compromettendone la regolare programmazione. In particolare gli automezzi di grande capacità rimangono incolonnati per diverse ore presso gli impianti in attesa di poter conferire i rifiuti, pertanto i cosiddetti mezzi “satellite” rimangono spesso fermi in quanto ancora carichi, non potendo “trasbordare” i rifiuti raccolti porta a porta negli automezzi di grande capacità fermi presso gli impianti”, il messaggio arrivato dalla società che gestisce la raccolta rifiuti in diversi comuni della provincia di Napoli e non solo.

Conferimento a rilento negli stir, la Buttol: “Automezzi fermi,possibili disagi”

A Torre del Greco l’amministrazione comunale ieri ha fatto circolare un’automobile con un avviso alla cittadinanza sui problemi allo stir.  “Potrebbe, nelle prossime ore, non essere possibile garantire la raccolta – non per responsabilità dell’Ente comunale. Sarà, quindi, data precedenza alla pulizia degli ecopunti e dei siti di prossimità per le frazioni indicate dal calendario. Diversamente, tutti i rimanenti cumuli stradali, non previsti resteranno non prelevati. Si invita la cittadinanza alla massima e assoluta collaborazione, nonché, al corretto conferimento dei rifiuti”.

Rifiuti, il sindaco Palomba: “Possibile stop alla raccolta. Collaborazione”

Nel video la situazione nell’isola ecologica della Litoranea dove la distesa di rifiuti è impressionante. Per non parlare dei cattivi odori che sono insopportabili. Rifiuti di ogni tipo invadono l’area a ridosso del parcheggio tra l’altro molto frequentato dai bagnanti che si dirigono ai lidi della zona. Non solo sacchetti però affollano l’ecopunto della zona mare. Qui un altro problema è legato al deposito degli ingombranti previsto proprio nella mattinata di venerdì. Ma in alcuni casi il prelievo è rallentato dalla commistione con i RAEE.

In zona Sant’Antonio – via San Gennariello – la situazione è meno drammatica ma comunque diversi cassoni  si presentano stracolmi.

Pessima invece la situazione nell’ecopunto di Santa Maria la Bruna dove tutti gli scarrabili sono pieni e i rifiuti sono in gran parte riversati sul piazzale. A rendere la situazione già critica nella città del corallo – accanto ai problemi registrati allo stir – è sicuramente anche il modello rivelatosi fallimentare degli ecopunti.

Aria irrespirabile anche al mercato settimanale nei piazzali di via Circumvallazione. Montagne di rifiuti affiancano gli scarrabili che sono stati svuotati.