Tour negli ecopunti di Torre del Greco tra grandi pulizie e cassoni ancora colmi. Proseguono gli interventi di rimozione – VIDEO

262

Resettare gli ecopunti. Un’operazione partita con l’arrivo della Buttol in città e tutt’ora in corso. Ad oggi parecchi degli ecopunti diventati vere e proprie discariche a cielo aperto sono stati ripuliti.

Ma sul territorio permangono delle criticità anche molto gravi – come stiamo documentando in questi giorni.

Non ha conosciuto alcuna tregua la crisi a via Litoranea.

Ecco nelle immagini le condizioni dell’ecopunto nell’area parcheggio dove la raccolta non è stata ancora effettuata. Cassoni colmi, rifiuti e ingombranti ad invadere tutta l’area che in queste ore però finalmente è oggetto di grandi pulizie con l’arrivo di bobcat e mezzi di grossa portata.

Anche via Cimaglia – dove insiste uno degli ecopunti diventato simbolo della fase emergenziale – stamattina si presentava in condizioni abbastanza critiche tra mobili, sacchetti, cattivi odori.

Buona invece la situazione nei pressi dell’istituto Giampietro-Romano dove gli scarrabili sono stati eliminati nel fine settimana a seguito delle proteste. L’area è transennata con nastro segnaletico e in mattinata non vi erano sacchetti depositati.

Completamente svuotata anche l’isola ecologica in zona San Gennariello, liberata dalla spazzatura.

Male invece nell’area degli ex Molini Marzoli di via Calastro dove sorgono anche gli uffici comunali. Sacchetti dentro e fuori i cassoni, aria irrespirabile e una moltitudine di insetti.

La possibilità di conferire i rifiuti negli ecopunti anche negli orari mattutini fa sì che si vivano situazioni di questo tipo. Con le isole svuotate di notte e già di nuovo piene in mattinata.

Mentre resta anche da debellare il problema delle micro-discariche disseminate sul territorio a causa di chi continua a sversare dove meglio crede fuori da ogni regola.

Insomma, una situazione tra luci e ombre seppure la rotta verso il ritorno alla normalità appare tracciata mentre si attende – ora più che mai – l’annunciata rivoluzione del porta a porta.