Un tavolo permanente sulle problematiche del comparto marittimo – VIDEO

229

E’ il grido disperato di Pasquale Ientile, marittimo da oltre 20anni. Grande partecipazione ieri nella sala convegni della Santissima Trinità all’assemblea pubblica “Quale futuro per i marittimi italiani”, fortemente voluta dall’associazione Marittimi per il Futuro di Torre del Greco per dare voce ai lavoratori del mare, analizzare e comprendere disagi e problematiche ed individuare strumenti e modalità di intervento, nell’ottica di un confronto costruttivo.

Diversi gli interventi dei marittimi dalla platea. Storie di disagio e di difficoltà a trovare un imbarco.

Dopo i saluti del presidente Accardo, il vice capitano Esposito ha fatto un’analisi a 360 gradi sulle tematiche strategiche del comparto, dal lavoro alla formazione. Al dibattito pubblico con i lavoratori del mare hanno partecipato anche i rappresentanti dei sindacati autonomi e il sindaco della città di Torre del Greco Giovanni Palomba. Dall’amministrazione torrese l’idea di un tavolo permanente che possa interfacciarsi con gli organi sovracomunali.

Grandi assenti i sindacati confederali, Cgil, Cisl e Uil e il sindaco della città di Ercolano Ciro Buonajuto che si sono così sottratti al confronto con i marittimi.

Da tutti i presenti la volontà di riprendere la mobilitazione e portare nuovamente le problematiche del comparto marittimo italiano all’attenzione degli organi competenti.