• Miramare
  • Lavela
  • serigraph
  • Santa Maria la bruna
  • Faiella
  • tvcity promo
  • un click per il sarno

comune pompei

E’ arrivato l’ok della giunta per la richiesta dell’istituzione di una legge speciale per Pompei.

Soddisfatto il sindaco Nando Uliano che ha dichiarato: “E’ il primo passo verso la costruzione condivisa di uno strumento necessario e indispensabile per la città di Pompei”.

L’atto di indirizzo prevede che l’amministrazione si attivi presso Governo, Ministero e Regione per l’approvazione della legge speciale, che si richieda l’istituzione di un fondo speciale gestito dal Ministero che preveda una percentuale sul costo del biglietto di ingresso al Parco Archeologico a favore del comune di Pompei. Tale parte sarebbe poi utilizzata per interventi alle infrastrutture, per l’informazione e la promozione turistico culturale.

Secondo il primo cittadino, creare una legge speciale per Pompei così come già fatto per altre città di rilevanza culturale quali Siena, Roma o Venezia, vuol dire offrire ad un’intera comunità un volano di sviluppo. “La possibilità di svincolarsi da alcuni limiti, soprattutto in materia economica, vuol dire dare alla città una prospettiva futura diversa. Vuol dire creare occupazione e non solo nell’immediato, ma un’occupazione duratura, per le famiglie, i giovani e gli imprenditori pompeiani -ha continuato Uliano- Vuol dire dare risposte ad un territorio che a fronte della moltitudine di oneri che deve affrontare per sostenere i grandi flussi turistici riceve, come contropartita, solo benefici marginali. Pompei ha bisogno di strutture, servizi, infrastrutture all’altezza delle aspettative dei cittadini e dei turisti. La mia amministrazione si farà promotrice di questa richiesta d’istituzione di una legge speciale per Pompei presso tutti gli organi competenti: Regione, Governo, Ministero e Sovrintendenze archeologiche. Sono certo che tutti comprendano l’utilità e la necessità di tale provvedimento e che nessuno farà mancare il proprio sostegno alla città”.