Vandali in circum rompono le porte, inferno per turisti e viaggiatori – IL VIDEO

237
  • un click per il sarno
  • Miramare
  • serigraph
  • Faiella
  • Santa Maria la bruna
  • tvcity promo
  • Lavela
  • bcp

Un inferno per migliaia di turisti che si sono trovati ammassati nella stazione circum di Pompei. Alcuni vandali – come denunciato dall’Eav – hanno divelto tutti i bordi sensibili delle porte di un convoglio diretto a Sorrento rendendo impossibile continuare la corsa. “Vandali, delinquenti. Nemici del trasporto pubblico”, lo sfogo apparso ieri sulla pagina fb ufficiale della società, “abbiamo treni vecchi, lo sappiamo. La nuova gara per 300 milioni che porterà 30/40 treni nuovi si è chiusa venerdì scorso 14 giugno con due offerte di grandi multinazionali. Il revamping a breve produrrà effetti positivi. È una corsa contro il tempo. Ma quello che è accaduto stamattina sul treno 1103 per Sorrento è inaudito”.

Una situazione assurda con migliaia di passeggeri e turisti sotto il sole cocente bloccati sul piazzale tra malori e malumore e le corse ferme per quasi due ore.

Nel frattempo si avvicina la data del primo luglio e i consiglieri regionali del M5S hanno presentato un’interrogazione insieme al senatore Santillo sulla vicenda del limite di 50km orari e il conseguente rischio di tagli alle corse.

“Per colpa della totale inefficienza di De Luca e del numero uno dell’azienda che gestisce i trasporti regionali De Gregorio, entro quella data l’azienda che gestisce Circumvesuviana, Circumflegrea, Cumana e Metrocampania Ovest non sarà affatto in grado di rispettare i requisiti imposti dall’Agenzia nazionale per la sicurezza delle ferrovie, garantita dall’applicazione del sistema di controllo della marcia treno”, hanno tuonato Ciarambino e Malerba, “senza questo sistema, ai treni sarà imposto il limite dei 50 chilometri orari. In risposta al nostro question time nell’aula del Consiglio regionale la giunta si è limitata a illustrare i passaggi di un’articolata programmazione dei futuri interventi previsti per i vettori Eav, aggiungendo che sarà chiesta una proroga alla data del 1 luglio”.