Il ripristino della Festa dei Quattro Altari, sacralità del Corpus Domini, e istituire la Festa di San Vincenzo Romano quale Santo Patrono di Torre del Greco; questi ed altri temi religiosi saranno di competenza della dottoressa Rossella Di Matteo, assessore agli Eventi ed all’Istruzione della giunta Mele, in caso di vittoria al ballottaggio di domenica prossima.

“Il 14 Ottobre 2018 il popolo torrese celebrerà la tanto attesa canonizzazione di don Vincenzo Romano – per l’occasione sarà organizzato un evento per celebrare al meglio l’avvenimento -. La proposta della mia coalizione – spiega Mele -, ovviamente da valutare anche con le cariche religiose, è di istituire il 29 novembre quale festa di San Vincenzo Romano, Patrono di Torre del Greco”.

Ricco il programma per le politiche dei culti e delle relazioni esterne che sarà parte integrante dell’assessorato agli Eventi.

Non solo il ripristino della Festa dei Quattro Altari, sacralità del Corpus Domini e l’istituzione della Festa di San Vincenzo Romano quale Santo Patrono di Torre del Greco, ma nel programma studiato da esperti della squadra della candidato sindaco Luigi Mele si parla anche di un sussidio cartaceo/digitale sulle bellezze artistiche-storiche-culturali delle Chiese di Torre del Greco; di mettere le chiese torresi al centro del Maggio dei Monumenti; del sostegno, disponibilità e presenza alle celebrazioni di carattere cittadino (ad esempio: solennità dell’Immacolata Concezione, processione del Corpus Domini, via Crucis, Festa di San Vincenzo Romano); di un canale di ascolto diretto e dedicato a tutte le problematiche inerenti la religione e i propri rappresentanti; di favorire gli scambi interreligiosi fra le chiese cristiane presenti sul territorio; e di mettere a disposizione dei fedeli di culto Cristiano Ortodosso una location nella quale potersi riunire per le celebrazioni.

Tornando al ripristino della Festa dei Quattro Altari, Luigi Mele ricorda “l’importanza storica e gli oltre 700 anni di tradizione della festa, anche per questi motivi ritengo opportuno ed urgente il suo ripristino a Torre del Greco”.