Allo stesso tavolo esponenti della società civile e imprenditoriale affrontano insieme le tematiche connesse a questa che il Presidente Mattarella definisce “priorità sociale”.
L’evento, unico in Italia, è ideato ed organizzato dal Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Università di Napoli “Federico II”, dall’Associazione Europea per la Prevenzione, insieme a Ebilav, Fondolavoro e con la collaborazione dell’INAIL, di numerosi Ordini Professionali e di ben quindici Atenei italiani.“La sicurezza di chi lavora è una priorità sociale ed è uno dei fattori più rilevanti per la qualità della nostra convivenza”.  Solo pochi giorni fa il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella pronunciava queste parole invitando tutti, nel suo intervento, a “riflettere sui dati, tuttora così preoccupanti, delle morti e degli infortuni dei lavoratori e per far crescere la cultura e l’impegno della sicurezza nei luoghi di lavoro”.

Da oltre due anni di questo si discute a Napoli affrontando l’argomento, e le problematiche ad esso connesse, in un contesto estremamente ampio, strutturando un nuovo format che unisce gran parte della società civile nell’individuazione delle urgenze, da una parte, e delle possibili soluzioni alle varie istanze, dall’altra.
Salute, Sicurezza sul lavoro e Ambiente ma anche innovazione, aggiornamento, formazione e spazio alle idee dei giovani ricercatori.  E’, per l’appunto, la mission dell’HSE Symposium, che conclude i lavori del suo secondo anno di attività venerdì 25 e sabato 26 ottobre 2019 in un grande convegno programmato al Nuovo Policlinico nell’Aula Magna “Gaetano Salvatore” della Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Università di Napoli Federico II.
E tantissime sono le adesioni e gli interventi previsti all’evento organizzato dal Dipartimento di Sanità Pubblica dell’Università “Federico II” e dall’Associazione Europea per la Prevenzione, con il supporto di Fondolavoro, di Ebilav, e con la collaborazione dell’INAIL, dell’INL, di numerosi Ordini Professionali e di ben quindici Atenei italiani.
In questa occasione saranno presenti allo stesso tavolo esponenti del Governo, della Magistratura, della Chiesa, delle Università italiane, della Stampa, delle Istituzioni locali e nazionali, degli Organismi di Tutela e Controllo, fino ai rappresentanti dei lavoratori e dei loro datori di lavoro.
“Proposte concrete e realizzabili da consegnare immediatamente alle Istituzioni – sottolinea Vincenzo Fuccillo, presidente di Assoprevenzione – ma anche spazio alle nuove idee con la presentazione dei lavori e dei progetti di innovazione, 15 tra i 70 pervenuti alla Commissione Scientifica, prodotti da tecnici e ricercatori di ben 15 Università italiane e un confronto aperto  per i temi da mettere in campo ed affrontare nell’immediato futuro”. Questo è l’obiettivo dichiarato dell’HSE Symposium  che di fatto “sintetizza un fondamentale momento di scambio e di bilancio – aggiunge il Prof. Umberto Carbone del Dipartimento Sanità Pubblica Università “Federico II” –  che non ha eguali in Italia, e neanche negli altri Paesi dell’Unione. Proponiamo un modello che, nel costante lavoro di studio e di analisi condotto sul campo giorno dopo giorno, trova la possibilità di trarre le dovute conclusioni e di fornire nuove linee di indirizzo per affrontare i delicati passaggi legati alla salute, alla sicurezza sul lavoro ed all’ambiente”.
“Ogni uomo o donna che muore sul posto di lavoro – sottolinea Luigi D’Oriano, presidente di Ebilav – rappresenta un dramma che coinvolge tutta la Società. La famiglia, innanzitutto, poi gli inquirenti, la sanità, la Chiesa, le imprese, gli enti previdenziali: tutti partecipano ad un lutto che non possiamo più derubricare come fatalità”.
“E’ necessaria un’azione comune – conclude Carlo Parrinello, presidente di Fondolavoro – che ponga in primo piano la necessità di una formazione corretta e costante perché solo attraverso una rivoluzione culturale profonda questo dramma sociale potrà ridimensionare concretamente le terribili  cifre di morti ed incidenti che colpiscono i nostri lavoratori”.
Health, Safety and Environment: Salute, Sicurezza ed Ambiente sono i temi affrontati nel corso dei lavori che in questa seconda edizione sono definiti attraverso tre focus ben precisi: evoluzione del lavoro e orizzonti normativi; formazione 4.0; innovazione: verso il futuro. Saranno preceduti da un primo momento di discussione, nel focus introduttivo “Lavoro Sicuro”, in cui si fornirà alla platea un’istantanea sul mondo del lavoro in Italia, dai dati INAIL alle nuove iniziative di contrasto alle  “morti bianche” e ai disastri ambientali.