prefetto

Le scriventi OO.SS. sono seriamente preoccupate di ciò che sta avvenendo in questi
giorni ed in particolare nella giornata di ieri.
La tenuta sociale è a rischio con le famiglie dei lavoratori che stanno lentamente e con
fatica riprendendo le attività bloccate durante il lockdown e che sono angosciate per ciò
che li attende e che chiedono in maniera del tutto legittima risposte certe.
Purtroppo però come è già accaduto in altre occasioni per la richiesta pacifica di diritti
costituzionalmente garantiti si vedono gruppi di facinorosi che si inseriscono, e che
cavalcando la crisi e la rabbia delle persone creano incidenti tra le strade cittadine e
aggressioni alle Forze di Polizia.
Ciò che è accaduto stanotte nella Città di Napoli ne è la prova tangibile.
Al controllo del territorio per garantire il rispetto dei divieti imposti dalle Ordinanze regionali
e dai DPCM per contenere la diffusione del contagio da COVID-19, che i Comandi delle
Polizie Locali dell’area Metropolitana di Napoli stanno continuato a svolgere anche con
uno sforzo dovuto alla carenza di personale e comunque in numero di poliziotti locali in
servizio di ordine pubblico superiore al contingentamento previsto, adesso si aggiunge il
pericolo della incolumità personale.

Poliziotti locali in trincea, che non hanno neppure le stesse salvaguardie e tutele
previdenziali, assistenziali e assicurative delle altre Forze di Polizia e che nonostante ciò
continuano a profondere il massimo impegno e con professionalità svolgono il proprio
dovere per la garanzia della sicurezza dei cittadini tutti.
Chiediamo un Suo autorevole intervento nella sua veste di Rappresentante del Governo
sul territorio e Autorità Provinciale dell’O.P. e della Sicurezza, affinchè tutte le Istituzioni
interessate in coordinamento tra loro e non in maniera contingibile e senza
programmazione ed organizzazione agiscano al fine di tutelare le donne e gli uomini in
divisa e garantire il futuro economico delle famiglie.