Ancora polemiche contro la Giunta Palomba: “Non stiamo all’inciucio” – VIDEO

237

“Da carovana del buon governo a bus turistico della politica.” Così si legge sui manifesti apparsi nel centro cittadino di Torre del Greco a firma di vari consiglieri comunali. E’ ancora bufera contro il nuovo esecutivo scelto dal sindaco Giovanni Palomba. La nuova Giunta, nominata dopo l’azzeramento della precedente e una crisi politica durata settimane, è stata presentata come composta da tecnici o da persone che hanno messo al primo posto il bene della città. A far nascere i dubbi, però, la partecipazioni di forze politiche che, prima del cambio di rotta, erano parte dell’opposizione, escludendo, invece, dalle nomine, gran parte della vecchia maggioranza. Alcune deleghe sono state affidate a persone nominate da rappresentanti di Lega e Fratelli d’Italia, in particolare i consiglieri Mele, Buono e Tabernacolo. Gli stessi partiti in questione hanno preso le distanze dalla decisione di unirsi all’esecutivo Palomba, chiedendo persino chiarimenti, come nel caso di Fratelli d’Italia con la rappresentante Tabernacolo. Dissapori che sono stati resi pubblici, nelle ultime ore, da alcuni manifesti affissi per tutta Torre del Greco. Un messaggio forte ai cittadini firmato dai consiglieri Piccirillo, Gramegna, Guarino, Caldarola, Brancaccio e Gargiulo. “Da carovana del buon governo a bus turistico della politica.”, questa la denuncia. Lo stesso consigliere Caldarola ha evidenziato, tramite un’interrogazione consiliare, un presunto conflitto di interessi che coinvolgerebbe l’assessore alle politiche sociali, l’avvocato Maria Pirozzi. Nello svolgimento della sua professione avrebbe, infatti, difeso i proprietari di uno stabile che ospita una nota residenza per anziani proprio in una querelle contro il Comune di Torre del Greco, inoltre, questi titolari sono anche parenti di un altro nuovo assessore, Felice Gaglione. Per questo motivo Caldarola solleva anche dubbi sulla definizione di giunta “tecnica”, con la partecipazione di persone esterne all’amministrazione. La stessa questione è stata denunciata anche da Fratelli d’Italia, dal momento che la consigliera Tabernacolo ha suggerito la delega per la Pirozzi.