Campagna vaccinale nelle aziende, firmato il protocollo

114

Firmato il protocollo per i vaccini in azienda. Dopo un lungo confronto durato oltre 7 ore, sindacati e imprese, con l’avallo dei ministri Andrea Orlando e Roberto Speranza e il supporto dell’Inail, hanno chiuso un accordo che consentirà a tutte le imprese, a prescindere dalle dimensioni, di vaccinare i dipendenti che vorranno farlo.

Il testo si aggiunge al protocollo per la sicurezza nei luoghi di lavoro, che viene aggiornato rispetto alle versioni del 14 marzo e del 24 aprile 2020 e consentirà di andare più spediti nella campagna vaccinale.

Si parte a maggio. Le imprese più piccole possono accordarsi con quelle più grandi o appoggiarsi alle strutture dell’Inail. Ruolo chiave per i medici aziendali Il canale aziendale sarà parallelo e non alternativo alla rete di vaccinazione ordinaria. E non si tradurrà in norme vincolanti: adesione volontaria di aziende e lavoratori. Tutte le imprese possono candidarsi, non c’è alcun requisito minimo di dipendenti e il vaccino sarà offerto a tutti i lavoratori a prescindere dalla tipologia di contratto.
Se la vaccinazione cade in orario di lavoro, il tempo necessario sarà equiparato a tutti gli effetti a orario di lavoro. Mentre conteranno come malattia i giorni successivi, necessari a smaltire eventuali effetti avversi. I costi per il piano vaccinale – spazi, logistica – sono a carico dell’azienda.
Si potrà fare ricorso al medico aziendale o in alternativa a strutture sanitarie in possesso dei requisiti per la vaccinazione o ancora a strutture Inail. Sarà predisposta adeguata formazione su piattaforma Inail per i medici coinvolti nelle vaccinazioni.
La partenza a maggio garantisce il superamento del criterio per fasce d’eta.