Campania, rinviata la riapertura delle scuole: le parole dei sindaci – VIDEO

356

In Campania, come è ormai noto, le scuole riapriranno in ritardo rispetto al resto del Paese: mentre in Italia gli studenti sono tornati in classe già lo scorso 14 settembre, in molti comuni campani il suono della campanella sarà posticipato.

A Torre del Greco il sindaco Giovanni Palomba nella giornata di ieri ha firmato un’ordinanza sindacale con la quale si dispone il posticipo dell’avvio delle attività didattiche al 1 ottobre. 

“Abbiamo cercato di accogliere, nel modo più opportuno, le richieste che da più fronti ci sono giunte dal mondo della scuola.

È un anno particolare, per le evidenti e già note vicende legate alla crisi epidemiologica del Coronavirus, ma tanti sono stati gli sforzi messi in campo, dalle Istituzioni locali e dagli Enti territoriali per consentire una efficiente ripresa delle attività per il nuovo anno scolastico” –  ha affermato il primo cittadino.

Riapertura rinviata anche a Torre Annunziata. Dopo gli 8 contagi nella giornata di ieri, il sindaco ha deciso di posticipare a lunedì 28 settembre l’inizio del nuovo anno scolastico.

“Importante un intervento accurato di sanificazione degli edifici scolastici dopo le elezione al fine di garantire la ripresa dell’attività didattica in totale sicurezza per studenti, docenti e personale” ha dichiarato il sindaco Ascione.

Anche a Castellammare la prima campanella nelle scuole suonerà il 1 ottobre. La decisione del sindaco Cimmino nasce dopo l’impennata dei contagi da Covid-19.  “E’ una mia assoluta priorità garantire la tutela della salute di tutti i cittadini, degli studenti e di tutto il personale scolastico che si appresta ad iniziare le attività didattiche in questo momento così delicato per tutto il Paese.” le parole del primo cittadino.

Dopo le ordinanze dei vari comuni campani che hanno posticipato l’apertura delle scuole al 1 ottobre, anche i sindaci di Scafati e Boscoreale si sono aggregati a tale scelta.