boscotrecase

Un concerto dedicato a medici, operatori sanitari e pazienti del Covid center di Boscotrecase: e’ quello inserito nella rassegna del PJ On Air, rassegna di attivita’ online e concerti ad accesso gratuito che si svolgera’ dal 25 aprile al 9 maggio grazie all’impegno di Pomigliano Jazz, in collaborazione con l’ente parco nazionale del Vesuvio e Jip-Jazz Italian Platform. ”Una rassegna virtuale necessaria in questo periodo – si legge in una nota dell’ente parco nazionale del Vesuvio – visto il perdurare dell’emergenza Covid-19 e l’incertezza che ha colpito il mondo della musica e dello spettacolo dal vivo”. Tra gli appuntamenti in calendario, ”Vesuvio: a piece of earth/heart” di martedi’ 28 aprile (ore 20) con il pianista Giovanni Guidi: un concerto per immagini e pianoforte che racconta la bellezza della natura che riconquista i suoi spazi. Dai sentieri del Vesuvio alla fauna fino al cratere del Gran Cono, le composizioni di Guidi faranno da colonna sonora a riprese con il drone, fotografie e immagini realizzate per l’occasione. L’evento sara’ trasmesso anche nel Covid Center di Boscotrecase e sara’ dedicato a medici, operatori sanitari e pazienti dell’ospedale. Ad inaugurare PJ On Air nella notte del 25 aprile (alla mezzanotte di oggi) sara’ un’inedita versione di ”Bella ciao” e ”This is not America” realizzata dall’orchestra napoletana di jazz diretta da Mario Raja che vedra’ in scena, ognuno dalla propria abitazione, i 14 musicisti dell’ensemble partenopea. ”La storica collaborazione tra l’ente parco nazionale del Vesuvio e la fondazione Pomigliano Jazz continua anche in questo momento cosi’ difficile – sottolinea il presidente Agostino Casillo – Avevamo in programma una serie di eventi importanti nel corso del 2020 per celebrare due anniversari importanti, i 25 anni del parco e del Pomigliano Jazz Festival, che ovviamente sono stati rinviati. Ma attraverso la tecnologia abbiamo voluto provare a tenere accesa l’attenzione e l’impegno su questo importante progetto di promozione del territorio attraverso la musica e la sostenibilita’ ambientale”.