palomba

Tre nuovi casi di contagio da COVID- 19 a Torre del Greco e un ulteriore decesso, la cui positività è stata accertata soltanto post mortem.

Si tratta, di F. M. di ottantanove anni, già in regime di ricovero ospedaliero per diversa ragione.

È quanto comunicato dal Centro Operativo Comunale, presieduto dal sindaco Giovanni Palomba e riunito – per il diciottesimo giorno, in seduta permanente – a Palazzo Baronale.

Sono così, complessivamente, 34 i cittadini positivi, certificati dalle preposte Autorità sanitarie dell’ ASL Na3 Sud e comunicati nel corso dell’aggiornamento serale al team operativo del C.O.C..

Nello specifico, va precisato che 22 sono gli ospedalizzati, mentre salgono a 12 quelli in isolamento fiduciario presso la propria abitazione.

Nel frattempo, si attendono gli esiti degli altri tamponi praticati in città e, al momento, al vaglio delle dovute indagini di laboratorio.

Sul fronte amministrativo, invece, la giornata odierna ha visto la sottoscrizione congiunta – insieme al sindaco di Ercolano – di una missiva indirizzata al Prefetto di Napoli, Marco Valentini, con la quale si è richiesto un intervento a favore della categoria dei marittimi, in riferimento all’ultimo provvedimento adottato dal Governo -DPCM 22 marzo – per garantire e consentire loro il rientro nelle città di appartenenza.

Firmate, inoltre, dal primo cittadino anche due ordinanze con le quali si è provveduto a disciplinare il trasporto pubblico non di linea – Taxi e N.C.C. – che resta, tuttavia consentito, sino al prossimo 3 aprile purché la corsa ​ riguardi un soggetto alla volta. Nel disposto della seconda ordinanza è stata prorogata sino al 3 aprileprossimo la chiusura del cimitero cittadino.

“ Continuano a parlare i numeri.” ​ Dichiara il sindaco, Giovanni Palomba.

“ Purtroppo – prosegue il primo cittadino – i dati che stiamo registrando in questi giorni ci evidenziano una situazione delicata, e, in costante trasformazione per la città. Esprimo la mia solidarietà ed il mio personale cordoglio ai familiari tutti del compianto concittadino. È quanto mai fondamentale, da parte di tutti, il rispetto delle misure imposte a tutela e salvaguardia della salute pubblica. Non scoraggiamoci. Uniti ce la faremo”.