Turismo Mascherina

Nasce in questi giorni la proposta di allargare la campagna vaccinale anche a coloro che operano nel settore turistico in Campania.

In vista dell’estate e della fine della terza ondata Covid, che si spera possa prevedere anche la riapertura delle sedi legate al turismo, è fondamentale per gli addetti ai lavori essere preparati e vaccinati, pronti ad accogliere il turista al pieno della sicurezza sanitaria.

“La scelta di allargare la campagna vaccinale in Campania agli operatori del Turismo ci vede assolutamente concordi. Non condividiamo però la scelta di indicare come beneficiarie unicamente le aree a turismo prevalente. Continuare a circoscrivere e limitare il turismo campano a pochissime mete caratterizzate da sovraffollamento e gravi problemi di overturismo potrebbe essere controproducente per quei viaggiatori alla ricerca di esperienze meno congestionate e più sicure anche da un punto di vista sanitario”. Lo dichiarano il presidente della Commissione regionale speciale Aree Interne Michele Cammarano e il presidente della Commissione regionale speciale Innovazione e Digitalizzazione Gennaro Saiello, che sulla questione hanno scritto all’assessore al Turismo della Regione Campania Felice Casucci.
“Se l’obiettivo – scrivono Cammarano e Saiello – è poter rilanciare sul mercato mondiale le nostre mete turistiche libere dal Covid, come dichiarato dal governatore, sarebbe quanto mai opportuno iniziare dalla promozione delle nostre aree interne, che già oggi mostrano dati di contagio esigui, quando non nulli. Questo è il momento di creare prodotti turistici regionali innovativi. Parchi naturali, cicloturismo, borghi rurali, agriturismo, trekking: questa sarà la nuova domanda turistica d’ora in avanti, e gli attori istituzionali dei nostri piccoli Comuni e delle nostre aree interne di certo saranno pronti ad assecondarla”.