Covid: punto nel vesuviano. A Torre del Greco 143 casi nelle ultime 48 ore

1

Continuano a salire i casi di contagio nel vesuviano: si complica un quadro della situazione già drammatico con i sindaci costretti a introdurre misure ancora più restrittive.

A Castellammare di Stabia, il sindaco Cimmino ha annunciato l’adozione di ulteriori misure al fine di limitare la diffusione del contagio: la villa comunale aprirà dal lunedì al venerdì dalle ore 5.00 alle ore 18.00 mentre durante il weekend rimarrà aperta soltanto dalle ore 5.00 alle ore 8.30. Cimitero aperto martedì, giovedì e domenica. Intanto, nella giornata di ieri, registrati 83 casi di positività nello stabiese, di cui 19 sintomatici. Dato preoccupante certificato anche da un aumento della percentuale di positivi rispetto ai tamponi effettuati: 83 positivi su 543 tamponi lavorati, con la percentuale che sale al 15,2%.

A Castellammare sale dunque a 1190 il numero dei tuttora positivi.

Desta preoccupazione la situazione relativa ai contagi a Torre del Greco. Nonostante i 66 guariti registrati nella giornata di ieri, sono 143 i casi di contagio certificati in 48 ore, a fronte di 370 tamponi. Nella giornata di lunedì attestato anche un decesso. Continua a mutare quindi il numero di positivi: sono 860 gli individui in isolamento domiciliare a cui bisogna aggiungere i 16 positivi attualmente in regime ospedaliero.

Aumenta il numero di casi anche nel comune di Boscoreale. Certificati, tra le giornate di domenica e lunedì, 43 casi di positività e 5 guarigioni. Il computo degli attualmente positivi sale così a 317.

Attestate a Torre Annunziata ben 90 guarigioni in 72 ore. In aumento comunque il numero dei positivi con 68 nuovi casi di contagio da Covid registrati nelle stesse ore. Nel comune oplontino sono 453 i cittadini attualmente positivi di cui 12 ricoverati in ospedale.