Elezioni in Campania: come e quando si vota – VIDEO

1150

Election day in Campania, il punto della situazione su come si vota. Domenica 20 e lunedì 21 settembre i cittadini sono chiamati alle urne per rispondere al referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari e per eleggere il Governatore della Regione ed il Consiglio Regionale.

Gli elettori potranno recarsi ai seggi, domenica dalle 7 alle 23 e lunedì dalle 7 alle 15. Per votare è necessario aver raggiunto la maggiore età e presentare un documento d’identità in corso di validità e la tessera elettorale.

Per quanto riguarda il referendum le opzioni nell’urna sono due: segnando il “SI” gli elettori acconsentiranno alla riforma costituzionale del numero dei parlamentari che passeranno da 630 a 400 per la Camera e da 315 a 200 per il Senato; segnando il “NO” non acconsentiranno a tale modifica lasciando invariata la Carta Costituzionale.

In Campania i cittadini sono chiamati ad eleggere il Presidente della Regione ed il Consiglio Regionale. Nell’urna potranno votare direttamente per il candidato Governatore che verrà eletto con la maggioranza dei voti: non è previsto alcun ballottaggio. E’ possibile segnare con una croce la lista del candidato ed il nome. Nel caso in cui si segni solo la lista, il voto passerà direttamente anche al candidato, ma è possibile il voto disgiunto: quindi segnare la lista, ma anche il nome di un candidato non legato ad essa, in questo caso entrambi i voti restano validi. Per i consiglieri regionali sarà possibile esprimere fino a due preferenze, scrivendo il nome dei candidati nell’apposito spazio nella scheda. Tuttavia, se si esprimono due preferenze, i candidati nominati devono essere di sesso differente, quindi un uomo e una donna.

Ricordiamo che qualunque simbolo diverso dalla X renderà la scheda nulla.

Non sono ancora chiare, al momento, le disposizioni anti contagio previste per i seggi. Sicuramente gli elettori dovranno arrivare alle urne indossando la mascherina e, preferibilmente, dei guanti dal momento che dovranno toccare documenti e schede elettorali. Dubbi sulla sanificazione degli ambienti, del mobilio e dell’attrezzatura, soprattutto riguardo alle matite che saranno passate di mano in mano tra gli elettori.

E’ stato invece confermato che fuori ai seggi gli agenti incaricati dovranno far rispettare il distanziamento sociale ed evitare assembramenti. Verranno anche create corsie preferenziali per far accedere cittadini maggiormente a rischio come anziani al di sopra dei 65 anni e persone cagionevoli o malate. In questo caso verranno accompagnati al seggio di appartenenza superando le file che si potrebbero venire a creare alle porte.