Nel napoletano, traffico di rifiuti: 8 le misure cautelari – VIDEO

211
  • tvcity promo
  • Santa Maria la bruna
  • Miramare
  • Lavela
  • Faiella
  • serigraph
  • bcp
  • un click per il sarno

I Carabinieri per la Tutela Ambientale hanno eseguito, tra le province di Napoli e Caserta, provvedimenti cautelari emessi nei confronti di otto persone, imprenditori e operai di una società di San Tammaro a Caserta che si occupa della gestione di rifiuti speciali.

I reati ipotizzati dalla DDA di Napoli nei confronti degli indagati sono associazione per delinquere e illecita gestione di rifiuti. All’operazione, denominata “Dirty Iron” stanno prendendo parte quaranta carabinieri del Reparto Speciale e dell’Arma partenopea e casertana.

Nel dettaglio, i rifiuti, una volta “transitati” per l’impianto di stoccaggio, venivano “ripuliti” e “regolarizzati documentalmente”.

Tale attività criminosa, ha visto il coinvolgimento della SIDER RECUPERI s.r.l., che, in tal senso, avrebbe costituito un’associazione a delinquere, che aveva come scopo lo smaltimento illecito dei rifiuti ferrosi – stimato in centinaia di tonnellate – con conseguenti illeciti proventi pari a 175.000 Euro.

 Sequestrato l’impianto della SIDER Recuperi s.r.l. e 2 autocarri con i quali venivano effettuati gli illeciti conferimenti, per un valore stimato di un milione di euro.