‘O scaluogno: la toccante poesia del giovane attore Francesco Rivieccio dedicata a Torre del Greco

843

Il giovane attore torrese Francesco Rivieccio dedica alla sua città una poesia di speranza, in un momento tanto difficile per Torre del Greco e l’Italia intera.

Di seguito il testo di ‘O scaluogno, accompagnato in video dalla musica di Lucio de Filippis.

Muntagna ì mare.
Cennere e lapille.
Curallo, ciure.
evera pucchiacchella.
“Facimm’ù patt ‘a terr’a rena!”
Na rena nera!
Chist’è paese ì risate e strille!
Paese ì marenare!
Vite passate,
cunnuliate dall’acque salate!
E’ juta a fernì
a pazziella ‘mmano ì criature!
Chine ì paura!
dint’ù mare nun stanne ì darniane!
Chist’è paese R’’i dracumane!
Loro fanno felatielle…
e a nuje resta frantumma!
Addò sta cchiù ù Dracone?
Addò sta chillu sciummo
ca deva a bevere
ì ciente funtane?
Pur’isso se ne juto!
E’ scumparzo ù scarillo r’’a Patana.
Simme pisce i cannuccia!
Ammafàramma a vocca
e stamme zitte!
Chesto c’attocca…
I palazze spuntature
nun spontano cchiù a nisciuna parte.
“Agguanta ca me ne vengo”
mo ù facimme c’’ì vite noste.
“Se ne venesse, se ne venesse a morte!”
Ce zumpasse aret’’ì rine,
ca nuje simm’’i maste appuzature.
Jucammece a tifò,
anguattammece R’’ù viento Vafuogno!
Stu paese v’’ù state pavanne a scaluogno!
Chist’è ù juoco ì Meragljia,
verimme chi anduvina!
Nascette ‘mmiezo a sti rruvina
mille e cchiù anne fa,
na città ca è rriggina!
Rriggina r’’u cielo, rriggina r’’u mare,
rriggina ‘i sta verde muntagna,
che ancora p’’ì mano ‘accumpagna,
ì figli ca à fanno arraggiare.
Ma comme a na mamma essa perdona:
t’accarezza cu nu sciuscio ‘i viento,
fa scumparè ‘ì peccate d’’a ggente…
e t’abbraccia. Na mamma nun t’abbandona!
“Meragljia, meragljia pe’ chi ha andivinato!”
Ma sì nun te staje a casa
faje fallenza…
e ammisca na freva…
na freva ca nun è ì criscenza.