stilo

“La guerra tra bande di Torre del Greco è imbarazzante: in piena emergenza epidemiologica e con una città ricoperta di spazzatura , il sindaco piuttosto che occuparsi dei bisogni dei cittadini preferisce trastullarsi sui social con improbabili polemiche interne alla maggioranza e personalismi di ogni sorta. Lo afferma Romina Stilo, consigliere comunale di Azione Torre – Forza Italia a Torre del Greco, per la quale “se proprio avesse voluto dare un segnale forte, il sindaco avrebbe potuto azzerare tutte le deleghe e mandare avanti la macchina comunale per il bene della città”.

“Da giorni – rivela la Stilo – si rincorrono voci secondo le quali alcuni consiglieri di opposizione si stiano sedendo al tavolo del sindaco per trovare una maggioranza alternativa. Spero siano solo voci: far da sponda a un sindaco incapace magari solo per poter rimanere aggrappati alla poltrona sarebbe indegno”.

“Quella Palomba – sottolinea l’esponente di centrodestra –, un’amministrazione peraltro nata sotto la cattiva stella di un’inchiesta giudiziaria, in due anni non è riuscita a dare una sola soluzione concreta alle mille problematiche torresi. E visto che di fatto è un’amministrazione del Pd, il centrodestra ha il dovere di essere opposizione rigorosa di questa maggioranza clientelare e nepotista nata per gestire e no per governare o amministrare. Rifiuti, lavori pubblici, politiche sociali: sprechi e mala gestione sono sotto gli occhi di tutti, nel silenzio e con la complicità diretta del Partito Democratico che ancora oggi, malgrado avalli le scelte scellerate di Palazzo Baronale, ha il coraggio di autoproclamarsi partito della trasparenza e delle legalità”.

“In qualità di consigliere di opposizione della lista civica Azione Torre, vicina a Forza Italia – afferma la Stilo – chiedo pubblicamente un tavolo tecnico-politico di opposizione a questa maggioranza, col compito di rendere pubblico tutto quanto avviene presso la casa comunale: divisi e concilianti non avrebbe alcun senso”.

“Mi rivolgo – rimarca l’esponente di Azione Torre – Forza Italia – a chi effettivamente ha voglia di cambiare e a chi vorrà opporsi a questa irresponsabile inerzia, senza le solite liturgie, con un territorio perennemente lasciato in balia degli eventi o di personaggi non aventi alcun legame col territorio, privi della consapevolezza delle grandi questioni locali”.

“Se il sindaco ha i numeri – conclude -, vada avanti ma senza sottrarsi ancora al dovere di governare e alle urgenze della città. Altrimenti, faccia un atto di coraggio e rassegni le dimissioni, ridando subito la parola ai cittadini perché c’è necessità di tracciare direttive concrete e plausibili in un contesto alquanto mortificato sotto più punti di vista”.