cassa marittima

L’O.S. UGL Mare richiede un incontro per conoscere e individuare le opportune soluzioni, in vista della verifica attuativa della Fase 2 Covid 19 relativamente al settore della navigazione marittima, al Ministro dei Trasporti e per le Infrastrutture.

“La scrivente O.S. – si legge nella lettera indirizzata anche al Comando Generale della Capitaneria di Porto, a Confitarma e ad Assarmatori – alla luce del grande impegno profuso dal personale navigante e amministrativo durante questa fase emergenziale, tesa a garantire la mobilita’ minima marittima di merci e persone, anche talvolta in condizioni disagiate ed estreme;
viste le numerose problematiche rimaste evase per quanto concerne le tutele assistenziali previste dal Decreto 17 marzo 2020 per effetto di mere norme interpretative settoriali che ne impediscono ad oggi la fruizione per il mancato impiego lavorativo dovuto alla contrazione per il Covid.19;
in vista della imminente e preannunciata verifica della c.d. fase 2 di ripresa attività lavorative;
richiedeun incontro per conoscere e individuare le opportune soluzioni, in vista della verifica attuativa della Fase 2 Covid 19 relativamente al settore della navigazione marittima con le modalità che si riterranno utili”.