capitaneria

Alla presenza delle più alte cariche Militari, Civili e Religiose si è festeggiata anche a
Castellammare di Stabia Santa Barbara, Santa Patrona della Marina Militare.

Alla solenne celebrazione svolta presso la cattedrale della città delle acque, hanno
partecipato rappresentanti dei Comuni di Castellammare di Stabia, Piano di Sorrento e
Massa Lubrense. Erano presenti, inoltre, il Dirigente della PS di Castellammare di
Stabia, Dott. Vincenzo GIOIA, la Dr.ssa Donatella GRASSI della Polizia di Stato di
Sorrento ed il Comandante della Compagnia della Guardia di Finanza di
Castellammare di Stabia Capitano Salvatore DELLA CORTE.
Il Comandante della Capitaneria di porto di Castellammare di Stabia, Capitano di
Fregata Ivan SAVARESE, nel salutare i presenti, ha rivolto un affettuoso saluto a tutto
il suo personale dipendente ed ai rispettivi familiari, esprimendo stima per l’intenso
lavoro svolto a favore della collettività.

Erano presenti anche rappresentanze di insegnati ed alunni degli Istituti Scolastici
NINO BIXIO di Piano di Sorrento, VITRUVIO e VIVIANI di Castellammare di Stabia e
varie associazioni combattentistiche e d’arma, autorevoli custodi dei valori e delle
tradizioni dell’intero mondo della difesa e di promotori della cultura militare presso la
società civile.
La ricorrenza di Santa Barbara, ha ricordato il Comandante SAVARESE si ripropone
di essere occasione privilegiata per sottolineare lo spirito di altruismo che
contraddistingue l’agire professionale di tutto il personale della Marina Militare e la
legenda della sua Santa Patrona Santa Barbara.
Si narra che Barbara di Nicomedia fu rinchiusa in una torre e poi condotta al martirio
per la sua indomata fede cristiana osteggiata dal padre pagano Dioscoro, che “al
quattro del mese di dicembre” dopo averla uccisa fu incenerito da una fulmine celeste,
simbolo della morte immediata senza la possibilità di redimersi. Santa Barbara fu
prescelta perché rappresenta la serenità del sacrificio di fronte al pericolo senza
possibilità di evitarlo, e fu eletta a patrona “di coloro che si trovano in pericolo di morte
improvvisa”.
La leggenda spiega le ragioni per cui subito dopo l’invenzione della polvere da sparo,
ciascun magazzino di munizioni, in particolare sulle navi da guerra, per devozione alla
vergine di Nicomedia, da sempre ha attaccato sulle pareti un’immagine della santa
“perché siano preservati dal fuoco e dai fulmini celesti i depositi delle polveri che si
chiamano appunto Santebarbare.
Papa Pio 12° nel 1951 la proclamò a Celeste Patrona; ogni 4 dicembre gli uomini della
Marina Militare e quanti operano per essa, nel ritrovarsi con le comuni origini e valori,
festeggiano solennemente e degnamente la loro Santa Patrona.