Aumentano contagi nel Vesuviano, Covid Hospital quasi pieno – VIDEO

138

Continuano ad aumentare i contagi nel Vesuviano. Gli ultimi dati non sono incoraggianti e l’Asl Napoli 3 Sud annuncia un potenziamento del Covid Hospital di Boscotrecase. Sette nuovi casi di contagio da covid-19 registrati nella giornata di ieri a Torre del Greco, di cui 6 in forma asintomatica ed uno in regime ospedaliero. Registrata anche una guarigione, che porta a 130 il numero totale di guariti dal covid dall’inizio della pandemia. Sale invece a 40 il numero di attualmente positivi che si trovano in isolamento domiciliare, così come il numero di ospedalizzati che sale a 4. Sette nuovi positivi anche nel Comune di Portici, dati aggiornati però al 12 ottobre come spiega il sindaco Vincenzo Cuomo nella diretta Facebook di ieri: i flussi di comunicazione sui nuovi positivi provengono dal Dipartimento Prevenzione dell’Asl Napoli 3Sud ma non risultano essere costanti. Il primo cittadino lamenta infatti una gestione vergognosa dell’emergenza e chiede nuove soluzioni. Sono in totale 42 gli attualmente positivi a Portici. Continua l’attività di screening anche a San Giorgio a Cremano con il sindaco Giorgio Zinno che in diretta Facebook fa un punto della situazione: dati aggiornati al 13 ottobre con 19 nuovi positivi registrati in un’unica giornata e totale degli attualmente positivi che sale a 47. Un caso di positività anche al comune che resterà chiuso fino a lunedi. Nel frattempo, gli addetti ai lavori verranno sottoposti a tampone. A Castellammare di Stabia sono 5 i nuovi casi registrati il 13 ottobre: 3 di questi presentano sintomi febbrili e 2 sono asintomatici. Sale quindi a 92 il numero dei tuttora positivi. Numeri che vanno ad aggravare la situazione già critica al Covid Hospital di Boscotrecase dove i posti letto sono quasi saturi: 47 quelli ordinari occupati su 54, 15 su 20 in subintensiva e 5 su 13 in terapia intensiva. A preoccupare, sottolinea il direttore generale dell’Asl Napoli 3 Sud Gennaro Sosto, è la situazione dei ricoveri ordinari. Tuttavia, i vertici dell’azienda annunciano un potenziamento imminente della struttura ospedaliera: si punta ad arrivare a circa 90 posti ordinari, ampliando anche i posti in subintensiva che dovrebbero diventare 25.