coc boscoreale
  • Miramare
  • bcp
  • Santa Maria la bruna
  • tvcity promo
  • un click per il sarno
  • Faiella
  • serigraph
  • Lavela

Con un video messaggio alla cittadinanza, il sindaco Antonio Diplomatico ha informato sull’attuale quadro dell’emergenza in città, spiegando anche le iniziative messe in atto.

“Ritengo utile ribadire – ha detto il sindaco – che stiamo vivendo un’emergenza estremamente seria. E’ veramente importante che i cittadini seguano le regole stabilite dal governo, dalla regione e da noi con apposite ordinanze e disposizioni che sono disponibili sui canali ufficiali di comunicazione informazione istituzionale: portale internet istituzionale e canali social, ai quali raccomando di fare sempre e unicamente riferimento, giacché sono troppe le fake news che circolano. Siamo stati tra i primi comuni ad attivare il Centro Operativo Comunale di protezione civile che è costantemente al lavoro tutto il giorno al mio fianco”.

Il sindaco si è poi soffermato sui dati riferiti a cittadini in quarantena fiduciaria “Ad oggi sono diciannove i cittadini che si sono messi in isolamento obbligatorio fiduciario poiché provenienti dalle zone rosse del Nord Italia, e al momento non presentano sintomi. Tuttavia, mi auguro che questo numero non aumenti. Non ci sono stati segnalati casi di positività al virus e quindi a maggior ragione dobbiamo rispettare le regole”.

Il primo cittadino ha poi ricordato che “Al fine di evitare l’aggregazione di persone in attesa di accedere ai servizi comunali, ho ordinato che gli uffici comunali sono aperti al pubblico solo per affari urgenti. Così come sono state sospese le cerimonie civili e religiose, ivi comprese quelle funebri senza lo svolgimento di cortei per le strade cittadine, per contenere i contatti interpersonali, evitando anche abbracci e strette di mano”.

Concludendo il suo intervento il sindaco Diplomatico ha rivolto un accorato appello “Dobbiamo stare tutti a casa perché meno persone frequentiamo, maggiori saranno le possibilità di sconfiggere la diffusione del coronavirus”.