• Santa Maria la bruna
  • tvcity promo
  • un click per il sarno
  • bcp
  • Lavela
  • serigraph
  • Faiella
  • Miramare

Continua la task force contro il sacchetto selvaggio caldeggiata dall’Assessore all’Igiene Urbana e alla Polizia Municipale, Raffaele Arvonio, e coordinata dal Comandante della Polizia Municipale, Salvatore Visone. Decine le contravvenzioni comminate a carico di incivili che, in difformità a quanto stabilito dal vigente calendario di conferimento rifiuti, sversavano rifiuti indifferenziati sul territorio comunale in luoghi non previsti dalla raccolta porta a porta. La Polizia Locale ha implementato i controlli attraverso pattuglie dedicate (anche con auto-civetta e agenti in borghese), l’ausilio della videosorveglianza cittadina e fototrappole installate nei luoghi privilegiati dai “furbetti del sacchetto selvaggio”. Tra le zone maggiormente attenzionate e sede della maggior parte dei verbali elevati ci sono l’ex ecopunto di Via Cimaglia, Via Cavallerizzi, Via Cavallo, Via Purgatorio, Via Monti di Resina, Via Del Clero, ma tanti sono i punti all’attenzione del Comando di P.M. e segnalati dai cittadini.
Dichiarazione dell’Assessore Raffaele Arvonio: “La raccolta porta a porta è partita da qualche settimana in buona parte della città e tra qualche settimana si estenderà all’intero territorio cittadino, ma ad oggi riscontriamo ancora frequenti conferimento di rifiuti non conformi e in svariati punti della città. Chiediamo semplicemente alla popolazione di attenersi alle disposizioni vigenti e al calendario di conferimento. Emblematica è la situazione in cui versa la città la domenica nonostante il divieto assoluto di conferimento rifiuti il sabato sera. Potremo avere una città pulita e ordinata quando, ognuno di noi, nel proprio piccolo inizierà a rispettare poche e semplici regole del vivere civile. Ringrazio vivamente i tanti cittadini torresi che stanno dimostrando virtuosismo e senso civico e ci stanno aiutando attraverso segnalazioni mirate e volte semplicemente ad ottenere una città pulita e vivibile. Non è intenzione dell’Amministrazione vessare i cittadini con controlli e sanzioni al sacchetto selvaggio, ma la cittadinanza tutta merita rispetto e di fronte al menefreghismo degli incivili non possiamo di certo chiudere gli occhi, anzi, dobbiamo agire ai sensi delle vigenti leggi e regolamenti affinché si crei un effetto deterrente che alla lunga potrà fare solo del bene all’immagine di Torre Del Greco.”
Dichiarazione della Consigliera Carmela Pomposo che da mesi ha sposato la causa della raccolta differenziata porta a porta:
“Una vera e propria dichiarazione di guerra agli incivili, contro quelli che deturpano la propria terra creando grave danno al territorio con piccoli gesti di inciviltà che deturpano quotidianamente la città. Ogni sacchetto selvaggio lasciato in strada crea inevitabilmente un’immagine di degrado che diventa un vero e proprio suicidio per una città che potrebbe vivere esclusivamente di commercio e turismo. La cittadinanza virtuosa, contro l’indolenza dei recidivi del sacchetto selvaggio, ci chiede a gran voce di intervenire con l’unico fattore che funziona come deterrente: le multe.”