Porta a porta, indignazione sui social dopo i dati diffusi dal Comune – VIDEO

347

Indignazione sui social dopo i dati diffusi sulle percentuali di raccolta differenziata raggiunte a Torre del Greco da marzo a giugno. Si parte dal 34% del mese di marzo per arrivare ad un 53% a giugno. Da questi dati si evince una crescita della percentuale di raccolta differenziata e il sindaco Giovanni Palomba ha ringraziato i cittadini per i risultati raggiunti.
Dati che hanno indignato i torresi sui social a fronte dei disservizi e delle carenze del porta a porta registrate ormai da tempo in città. Come documentato in molti servizi della nostra emittente non mancano i disagi dal centro alla periferia con cumuli non raccolti e lasciati sotto il sole per giorni e giorni, strade sporche, mini discariche abusive, sacchi neri, ingombranti. Uno scenario desolante. E con il caldo la situazione è destinata a peggiorare dal punto di vista igienico-sanitario. Dalle segnalazioni dei cittadini, in periferia i disagi si registrano in particolare in zona Sant’Antonio, Leopardi, via Giovanni XXIII, via Ruggiero e via Lamaria. Rifiuti abbandonati anche al cimitero. La raccolta procede a singhiozzo in molti quartieri della città, come la zona mare, ma anche il centro storico. “Servono provvedimenti urgenti affinchè la città sia più pulita”. La voce è unanime. Non mancano accuse e polemiche nei confronti dell’amministrazione comunale e della ditta, senza dimenticare che vanno puniti e sanzionati gli incivili che continuano a sversare in barba a regole e controlli. I cittadini si dichiarano increduli sulla veridicità di tali numeri. “Viviamo una situazione drammatica, non possiamo che essere arrabbiati. Il porta a porta a Torre del Greco è un vero fallimento, la città è abbandonata, è una vergogna”. 

Leggi anche: https://www.tvcity.it/torre-del-greco-i-primi-esiti-della-raccolta-porta-a-porta/