Refezione scolastica a Torre del Greco, c’è il ricorso della ditta arrivata seconda in graduatoria

1179

Non c’è pace per la refezione scolastica a Torre del Greco.

Due giorni prima dell’avvio delle iscrizioni al servizio mensa, infatti è stato notificato all’ente di Largo Plebiscito il ricorso presentato davanti al Tar Campania dalla ditta arrivata seconda in graduatoria, la Sirio che contesta il riconteggio dei punti assegnati alla società che si è aggiudicata l’appalto, la Sagifi di Napoli  – chiedendo la sospensione degli atti approvati dal Comune. 

Una nuova ombra quindi sulle mensa nella città del corallo, che vive ancora giorni di attesa e di incertezza.

Le iscrizioni – partite il 6 novembre – stanno andando avanti. Fino al prossimo 22 novembre sarà possibile effettuare le iscrizioni per il servizio che è riservato agli alunni della scuola dell’infanzia e della scuola primaria che svolgono attività a tempo pieno.

Di fronte alla nuova rogna giudiziaria, nel corso dell’ultima seduta di giunta comunale, l’esecutivo guidato dal sindaco Giovanni Palomba ha deciso di resistere al ricorso presentato dalla Sirio per chiedere l’annullamento “previa sospensione della determina n.2347 del 2019 di aggiudicazione del servizio di refezione scolastica in favore della società Sagifi”. Per l’amministrazione comunale infatti il ricorso è del tutto infondato e la decisione è quella di andare avanti, in attesa che venga fissata l’udienza e che il Tar si pronunci sulla richiesta di sospensiva. 

Al momento la data fissata per l’avvio della mensa – come annunciato anche dall’assessore Enrico Pensati a seguito del summit tenutosi a Palazzo Baronale con i dirigenti scolastici del territorio – è quella del 2 dicembre. Naturalmente qualora il Tar dovesse accogliere la richiesta di sospensiva, l’avvio della refezione potrebbe slittare.